Boclassic: Crippa ottavo, Magnani quinta, dominio etiope

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza BOclassic amatoriale (foto organizzazione)
Partenza BOclassic amatoriale (foto organizzazione)

Un doppio bis dell’Etiopia nella 44esima BOclassic. Per la seconda volta festeggiano Tamirat Tola, argento iridato di maratona e bronzo olimpico dei 10.000 metri, e Netsanet Gudeta, campionessa e primatista mondiale di mezza maratona. Entrambi avevano vinto anche nel 2015 alla tradizionale gara di fine anno. In un bel pomeriggio sulle strade di Bolzano, con il sole e 15 gradi di temperatura alla partenza, una corsa tra le più veloci di sempre nel capoluogo altoatesino: il leader maschile arriva al traguardo in 28:12 sui 10 chilometri, a soli dieci secondi dal record della manifestazione. La sfida si risolve all’inizio dell’ultimo giro, sugli otto in programma, quando un secco cambio di ritmo non lascia scampo al siepista keniano Jairus Birech, secondo in 28:24. Per il terzo posto l’ugandese Oscar Chelimo (Toscana Atl. Futura, 28:50) prevale nei confronti dell’etiope Muktar Edris (29:01), quarto dopo tre successi fra cui quelli nelle ultime due edizioni. Il primo dei non africani è il neozelandese Zane Robertson (quinto con 29:17), protagonista fin dall’avvio in testa, quindi i marocchini Hicham Amghar (29:19) e Soufiyan Bouqantar (29:22).

L’azzurro Yeman Crippa si impegna fino in fondo per mantenere l’ottava posizione in 29:23, dopo aver perso terreno nella fase centrale: due secondi in meno dell’anno scorso quando però il 22enne trentino delle Fiamme Oro, bronzo europeo dei 10.000 metri, era stato quarto in una gara meno rapida. Tra gli italiani dodicesimo Yassin Bouih (Fiamme Gialle, 30:08) seguito nell’ordine da Mohad Abdikadar (Aeronautica, 30:10), Ahmed El Mazoury (Atl. Casone Noceto, 30:20), Samuele Dini (Fiamme Gialle, 30:22), Pietro Riva (Fiamme Oro, 30:32) e Yassine Rachik (Atl. Casone Noceto, 30:40), maratoneta che ha conquistato il bronzo continentale a Berlino, mentre l’altro medagliato azzurro Yohanes Chiappinelli (Carabinieri), terzo agli Europei nei 3000 siepi, non completa la prova.

Al femminile Netsanet Gudeta conferma i favori del pronostico. La fuoriclasse etiope prende il largo poco oltre metà gara, nel terzo dei quattro giri, per chiudere in 15:46 al termine dei 5 chilometri battendo la keniana Janet Kisa (15:49). Sul podio anche la bielorussa Volha Mazuronak (16:08), campionessa europea di maratona, davanti all’irlandese Ciara Mageean (16:20). In chiave azzurra la migliore è Margherita Magnani, pienamente recuperata dall’infortunio che le ha impedito di partecipare agli Europei di Berlino. Per la 31enne cesenate delle Fiamme Gialle con il tempo di 16:37 arriva l’ennesimo quinto posto alla BOclassic . Poco distanti le maratonete Giovanna Epis (Carabinieri), sesta in 16:40, e Sara Dossena (Laguna Running), settima nel crono di 16:43. La rientrante Giulia Viola (Fiamme Gialle) è nona con 16:57, preceduta dalla bielorussa Svetlana Kudzelich (16:51), più dietro Fatna Maraoui (Esercito), decima in 17:20, e quindicesima la campionessa europea under 20 di cross Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre, 18:21).

Fonte fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti