Boclassic Alto Adige: Eyob Faniel 31 anni dopo Salvatore Antibo

Di GIANCARLO COSTA ,

L'arrivo del vincitore Eyob Faniel (foto mosna organizzatori)
L'arrivo del vincitore Eyob Faniel (foto mosna organizzatori)

Vittoria azzurra nella BOclassic, 31 anni dopo Salvatore Antibo: Eyob Faniel delle Fiamme Oro supera l’etiope Bekele e il keniano Kipruto, quinto Crippa. Tra le donne Kipkemboi pareggia il record della gara, Nadia Battocletti sesta.

Dopo 31 anni un italiano torna a vincere nella BOclassic Alto Adige, tradizionale corsa di San Silvestro a Bolzano. L’autore dell’impresa è Eyob Faniel che conquista il successo sui 10 chilometri, davanti ad alcuni big del panorama internazionale, con una gara autoritaria e condotta sempre nelle prime posizioni. Il portacolori delle Fiamme Oro chiude in 28:21 per battere l’etiope Telahun Haile Bekele, capolista mondiale dell’anno sui 5000 metri, secondo al traguardo in 28:28 dopo un gran testa a testa nel giro conclusivo, mentre si piazza terzo il keniano Amos Kipruto (28:37), bronzo nella maratona iridata di Doha. Entusiasmante la progressione finale del 27enne vicentino, oro a squadre nella passata stagione agli Europei di Berlino in maratona. L’ultimo azzurro a trionfare nella classica altoatesina, targata World Athletics Bronze Label Road Race e arrivata alla 45esima edizione, era stato Salvatore Antibo nel 1988 e in precedenza aveva vinto Alberto Cova nel 1985. Un podio italiano mancava dal 2004, quando Stefano Baldini fu secondo.

“Sapevo di poter andare forte - le parole di Faniel - ma contro atleti di grande livello non ero sicuro di riuscire a vincere. Mi sono allenato bene, sto lavorando per correre la maratona tra un paio di mesi”. L’appuntamento potrebbe essere quello del 23 febbraio a Siviglia per il veneto che in ottobre è stato quindicesimo ai Mondiali. Quarto a Bolzano l’ugandese Albert Chemutai (Athletic Club 96 Alperia, 28:50), quinto invece Yeman Crippa (Fiamme Oro) che era il più atteso degli azzurri, dopo il recente bronzo agli Europei di campestre, e finisce in 28:54, poi nono Marouan Razine (Esercito, 29:39). Più dietro Osama Zoghlami (Aeronautica), undicesimo in 30:01, Yohanes Chiappinelli (Carabinieri, 30:14), tredicesimo, e Said El Otmani (Esercito, 30:16), quattordicesimo in un bel pomeriggio di sole, con 11 gradi alla partenza.

Spettacolare anche la gara femminile di 5 chilometri, con tre africane a giocarsi il primo posto su ritmi elevati. Festeggia il successo un’atleta del Kenya: Margaret Chelimo Kipkemboi, argento iridato dei 5000 metri, eguaglia il record della corsa - stabilito nel 2017 da Agnes Tirop - in 15:30 davanti all’etiope Netsanet Gudeta (15:31), vincitrice uscente, e all’altra keniana Gloriah Kite (15:32). Brillante prova della 19enne Nadia Battocletti, sesta e migliore delle europee in 16:11, alle spalle della keniana Mercy Cherono (15:38) e dell’etiope Alemitu Tariku (16:00). Tre settimane fa la giovane trentina delle Fiamme Azzurre si è confermata campionessa continentale under 20 di cross. Nella top ten in piazza Walther anche Martina Merlo (Aeronautica), decima con 16:39 sulle maratonete Giovanna Epis (Carabinieri, 16:40) e Sara Dossena (Laguna Running, 16:41), quindi la rientrante Giulia Viola (Fiamme Gialle, 16:55), Nicole Reina (Cus Pro Patria Milano, 16:59) e Silvia Oggioni (Pro Sesto Atletica, 17:03).

Fonte fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti