Boa Vista Ultra Trail: successo di Alice Modignani Fasoli, secondo Fabio Caporali

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Boa Vista Ultra Trail (foto cometapress)
Partenza Boa Vista Ultra Trail (foto cometapress)

Spiaggia e mare, ma anche deserto, natura incontaminata, cieli stellati e caldo, tanto caldo. Così si può descrivere la diciottesima edizione della Boa Vista Ultra Trail andata in scena tra l’1 e il 2 dicembre nell’omonima isola dell’arcipelago di Capo Verde. La prova Ultra Marathon di 150 chilometri ha visto la vittoria con un tempo di 21h57’32” del capoverdiano Orlando Silva Tavares. L’atleta locale dopo avere percorso gran parte del tratto finale di gara fianco a fianco di Fabio Caporali, ha attraversato il traguardo pochi secondi prima dell’italiano, grazie ad un gesto generoso di Fabio che gli ha voluto regalare l’onore della vittoria. Il runner ferrarese, felice di aver portato a termine la gara con un ottimo piazzamento, ma soprattutto guadagnandosi un nuovo amico, ha bloccato il cronometro su 21h57’33”. Terzo classificato il veneto Corrado Buzzolan giunto al traguardo in 23h46’29”.
Tra le donne successo di Alice Modignani Fasoli, sesta assoluta e unica iscritta per la prova al femminile, con il tempo di 29h07’32”

La Boa Vista Ultra Trail propone anche un’alternativa più breve, ma non per questo meno tecnica o affascinante: la Salt Marathon di 75 chilometri, da portare a termine entro 16 ore dalla partenza. Primo classificato all’arrivo di Curral Velho, villaggio desertico a sud di Capo Verde caratterizzato da rade e svettanti palme e una salina naturale, il friulano Ivan Zufferli, che bissa il successo dello scorso anno, sempre su questo tracciato, con un tempo di 07:42’32”. Il secondo e il terzo gradino del podio sono andati rispettivamente ai due capoverdiani Luis Carlos Ribeiro Rodrigues, che ha fermato il cronometro su 9:11’15” e Antonio Cabral Gomes, giunto al traguardo in 9:17’45”. Tra le donne successo di Romina Rivella, unica iscritta per la prova al femminile, con il tempo di 13:57’32”.

La Eco Marathon di 42 chilometri ha infine permesso agli atleti di attraversare una natura selvaggia, tra oceano e deserto. Vittoria, qui, per il runner locale Joao Lopes Fonseca in 3:59’32”, seguito dal milanese Massimo Badiali, giunto al traguardo in 4:34’15” e dal capoverdiano Leandro Almeida Dos Reis Gomes De Albuquerque, che ha fermato il timer su 5:09’40”. Per quanto riguarda la classifica femminile successo della friulana Giuseppina Bisignano che ha chiuso in 6:39’22” sulla conterranea Palmira Cozzarolo (6:58’32”). Terzo gradino del podio per Antonella De Poli con un tempo di 7:58’52”.

La rassegna si è chiusa con l’arrivo dell’ultimo atleta della 150km sotto le 31 ore di gara, si tratta dell’italiano Massimiliano Pandini, che ha tagliato il traguardo stanco , ma soddisfatto della propria prestazione.

L’isola più affascinante dell’arcipelago di Capo Verde è stata quindi in grado anche quest’anno di accogliere la Boa Vista Ultra Trail, gara organizzata dal Friesian Team, in collaborazione con il Boa Vista Marathon Club. Uno degli ultimi paradisi terrestri, dove la coesistenza di oceano e deserto offre ai runner un’esperienza che lascia il segno.

Fonte cometapress

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti