Annullato l’Orobie Ultra-Trail

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Orobie Ultra Trail (foto organizzazione)
Partenza Orobie Ultra Trail (foto organizzazione)

Gli organizzatori hanno deciso di annullare l’Orobie Ultra-Trail, la notizia è che non è stato fatto per l’emergenza coronavirus, ma per altri problemi che sono descritti nella lettera ricevuta dagli organizzatori.

“Care atlete, cari atleti
per anni abbiamo investito tutto il tempo, le energie e le risorse che avevamo al servizio di Orobie Ultra-Trail®. Abbiamo sempre cercato di offrire l’evento migliore, sia in termini sportivi che in fatto di sicurezza. Ci abbiamo creduto incessantemente, abbiamo amato tanto OUT, e siamo incredibilmente orgogliosi di come sia cresciuto negli anni. Come detto in più occasioni da altri il nostro Evento ha dato un contributo tangibile alla crescita di questa disciplina facendo conoscere questo sport e le nostre splendide montagne a migliaia di nuovi appassionati, provenienti da ogni parte del mondo. Tanti hanno ricominciato a frequentare i rifugi delle Orobie e tanti hanno iniziato a correre ultra-trail o a organizzarne di nuove.

Quest’anno la passione non è venuta meno, ma un importante sponsor sì. Non abbiamo mai nascosto le difficoltà economiche né abbiamo mai smesso di cercare risorse sia a livello territoriale che internazionale che entrassero a far parte del Pool OUT.
In questi anni abbiamo incontrato più di 150 aziende sia di settore che extrasettore cercando nuove collaborazioni e partnership alcune delle quali hanno permesso di trovare risorse utilizzate nelle scorse edizioni.

Abbiamo provato anche quest’anno a stringere i denti e continuare comunque anche con scarse risorse ma non saremmo in grado di offrirvi un evento con gli stessi standard tenuti ad oggi e per noi imprescindibili.

Per questi motivi Orobie Ultra-Trail® nel 2020 non ci sarà, dire che siamo dispiaciuti sarebbe limitante considerato che in questi anni lo Staff ha dato tutto per questo Evento.

Vi siamo grati per tutto l’affetto che ci avete fatto percepire anche in questi ultimi mesi. Speriamo che questo sia solo un arrivederci e lavoreremo in questa direzione.

Grazie al Pool OUT, a tutti gli sponsor, agli amministratori, a tutte le istituzioni che ci hanno supportato.
Grazie a tutti gli atleti che hanno corso con noi per cinque bellissime edizioni.
Grazie ai volontari che le hanno rese possibili: il vostro entusiasmo ha sempre dell’incredibile.
Grazie a tutti gli spettatori che ci hanno trasmesso tanto, anche solo applaudendo lungo i sentieri.

Siamo consapevoli di scrivervi in un momento molto delicato, di grande difficoltà e incertezza per tutti, ma non potevamo rimandare ulteriormente questa comunicazione.
In questo momento ognuno di noi può fare la differenza affrontando questi giorni come una sfida, con la stessa capacità di adattamento e la stessa energia con cui avete affrontato ogni chilometro calpestato adesso dobbiamo fermarci, perché tutto possa ripartire.

Ci vedremo sulle nostre splendide Orobie quando tutto questo sarà finito, ce la faremo, taglieremo tutti insieme lo stesso traguardo.

A presto - Orobie Ultra Staff”

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti