Aminoacidi e prestazione sportiva : ma vale la pena ?

Di ALBERTO ,

aminoacido
aminoacido

Ormai è risaputo che molti atleti hanno abusato e forse ne fanno ancora uso di steroidi anabolizzanti . attualmente si sta diffondendo una nuova tendenza che utilizza la “nutrizione” come via legale alternativa per attivare naturalmente l’anabolismo del nostro organismo .

Modifiche ben determinate alla dieta possono , teoricamente, creare una situazione ormonale in grado di facilitare la sintesi proteica nel muscolo scheletrico . Negli Stati Uniti ci sono più di 100 compagnie che trattano prodotti a dichiarato effetto ergogenico . Sollevatori di peso, culturisti , e i fanatici del fitness utilizzano integratori a base di amminoacidi ritenendo di poter così aiutare la produzione naturale di ormoni ad azione anabolizzante come il testosterone , l’ormone della crescita, l’insulina o il fattore della crescita ad azione simil-insulinica per facilitare la loro crescita muscolare , aumentare la loro forza e diminuire la loro massa grassa. La giustificazione per l’uso di questi prodotti proviene dal loro impiego negli ospedali per quei pazienti che hanno problemi legati alla regolazione degli ormoni ad azione anabolizzante.
Ricerche condotte su soggetti in buone condizioni di salute non hanno portato nessun evidente effetto ergogenico indotto dall’integrazione per via orale di amminoacidi sulla secrezione ormonale , sulle risposte all’allenamento o sulla prestazione atletica. Per esempio, alcuni studi   sostenuti da appropriate statistiche, hanno mostrato che l’integrazione con arginina,lisina,tiroxina,ornitina e altri amminoacidi , assunti sia singolarmente sia in miscele , non produce alcuna modificazione della secrezione insulinica, di diverse misure della potenza anaerobica , e del VO2max . Inoltre l’integrazione con tutti i 20 amminoacidi della dieta di giovani sollevatori di peso non ha prodotto miglioramenti nella prestazione o modificazioni della risposta , a riposo o dopo l’esercizio , del testosterone o del cortisolo. Questi dati sostengono la teoria che l’assunzione di amminoacidi , nelle quantità raccomandate nei prodotti commerciali , non provoca miglioramenti a livello ormonale, nella composizione corporea , nella massa muscolare e nella prestazione . In più, l’uso indiscriminato a base di amminoacidi nei dosaggi considerati farmacologici piuttosto che nutrizionali aumenta il rischio di possibili effetti nocivi o del verificarsi di uno sbilancio amminoacidico.
I supplementi di amminoacidi contengono grosse quantità di AA ramificati   
( valina, leucina, isoleucina ) che sono metabolizzati direttamente all’interno del tessuto muscolare e ossidato a scopo energetico . La dose consigliata non deve essere , di norma, superiore a 5g , con una ripartizione del 50% per la leucina , 25% per la valina e isoleucina , che rispecchia la composizione media naturalmente presente nelle proteine alimentari . Per es. gli amminoacidi ramificati sono ampiamente presenti nelle proteine dei comuni alimenti ( es, bresaola ) che, pertanto , se consumati nelle giuste quantità , sono in grado di coprire completamente il fabbisogno giornaliero degli atleti.
Quindi , modificazioni alimentari che aumentino il trasporto di amminoacidi all’interno del muscolo , innalzino la disponibilità energetica , o aumentino gli ormoni anabolici , potrebbero teoricamente migliorare gli effetti dell’allenamento sulla muscolatura attraverso una maggiore azione anabolizzante .
L’allenamento alla resistenza , generalmente , è in grado di stimolare sia la sintesi proteica sia la degradazione delle proteine all’interno delle fibre muscolari utilizzate per l’esercizio .
Studi condotti sulla dinamica ormonale dell’organismo indicano un potenziale effetto ergogenico svolto da un’integrazione glucidica e/o proteica al termine di un allenamento alla resistenza. 9 sollevatori di pesi che non assumevano farmaci e che avevano 2 anni di allenamento alla resistenza sulle spalle hanno consumato , al termine di un allenamento abituale , un supplemento di glicidi e proteine. Questa integrazione ha effettivamente portato ad un aumento dell’attività ormonale durante la fase di recupero , con conseguente aumentata sintesi proteica e aumento della massa muscolare . Per ciò che riguarda una dieta a base di lipidi , si può dire che la dieta lipidica e i livelli di acidi grassi saturi e monoinsaturi possono dare informazioni sulla concentrazione di testosterone a riposo. Questi studi sono in accordo con dati precedenti che hanno mostrato che una dieta a basso contenuto lipidico  (circa il 20% di lipidi) produca livelli di testosterone più bassi di quelli che si ottengono con una dieta a contenuto lipidico più elevato ( 40%circa ). Inoltre , se diete a basso contenuto lipidico abbassano i livelli di testosterone a riposo, coloro che consumano diete di questo tipo  ( vegetariani , molti danzatori, ginnasti e lottatori ) possono andare incontro ad una diminuita risposta all’allenamento . Quindi, atleti con livelli ridotti di testosterone dovuti al sovrallenamento potrebbero migliorare la loro condizione modificando la composizione della dieta sul bilancio ormonale e sulla risposta all’allenamento .



Può interessarti