AlpFrontTrail a metà percorso

Di GIANCARLO COSTA ,

Laura Dahlmeier e Jakob Hermann alle Tre Cime (foto Harald Wisthaler)
Laura Dahlmeier e Jakob Hermann alle Tre Cime (foto Harald Wisthaler)

La conclusione della quarta tappa da Sesto a Passo Valles segna anche la metà dell‘AlpFrontTrail: dalla partenza a Grado di martedì il team internazionale composto da dieci trail runner ha percorso 425 chilometri e più di 27.300 metri d’altitudine lungo il confine storico tra Italia e Austria, in memoria delle tante vittime causate dalla Prima guerra mondiale e per ricordare la pace che oggi regna nell’Euregio. Venerdì l’élite del trail running ha corso per la maggior parte del tempo nel cuore delle Dolomiti Patrimonio mondiale UNESCO e quindi anche al centro del fronte di allora.

Daniel Jung (Val Venosta), Jakob Hermann (Werfenweng), Laura Dahlmeier (Garmisch-Partenkirchen) e l’organizzatore dell‘AlpFrontTrail Philipp Reiter (Bad Reichenhall) venerdì hanno corso i primi 18,8 chilometri con un dislivello di 1301 metri verso il Rifugio Auronzo. Sono passati per il Museo all’aperto “Anderter Alpe”, allora campo base dei soldati austroungarici. Il sentiero ha portato attraverso le trincee e le postazioni da una parte e attraverso le grandiose montagne dall’altra con il grandioso paesaggio montano da cartolina delle Tre Cime. “L’esperienza è stata unica e all‘alba l’atmosfera era mistica. Nella zona unica delle 3 Cime /3 Zinnen abbiamo potuto scattare delle foto veramente belle”, ha affermato un’entusiasta Laura Dahlmeier.

La seconda frazione della tappa verso Misurina, il Passo Tre Croci e Cortina d’Ampezzo è stata intrapresa da Eva Sperger (München) e Ina Forchthammer (St. Johann). La coppia ha corso più di 20 chilometri con un dislivello di 664 metri. I 17,8 chilometri per un dislivello di 1966 metri fino a Passo Falzarego Pass sono stati quindi affrontati da Hannes Namberger (Ruhpolding) e Marco De Gasperi (Bormio). Al Lagazuoi, conosciuto per le sue gallerie risalenti alla Prima guerra mondiale, c’è stato il secondo highlight culturale della giornata per gli atleti.

Nell’inverno da record del 1916/17 più di 5000 soldati morirono per le slavine

Il cosiddetto “Kaiserjäger Franz” da 25 anni a questa parte offre agli interessati un excursus sulla vita quotidiana durante la Grande guerra. Ai trail runner l’esperto ha raccontato, tra le altre cose, che soltanto nel rigido inverno 1916/17 più di 5000 soldati furono vittime della “morte bianca”, rimanendo sotto a slavine.

L’atleta di casa Martina Valmassoi (Pieve di Cadore) e la tirolese Caroline Gredler, che contribuisce all’organizzazione, hanno poi intrapreso i 17,2 chilometri e i 1634 metri di dislivello verso Pian de Lobia, poi Tom Wagner (Graz) e Hannes Perkmann hanno intrapreso la scalata verso Passo San Pellegrino e Passo Valles (24,7 km/1378 m). Negli ultimi chilometri sono stati accompagnati da Nicolas Holtzmeyer (Marketing Manager SUUNTO) e Gabriel Fauster (Associazione Turistica di San Candido), partner dell’AlpFrontTrail.

Fonte hkmedia

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti