Alex Baldaccini e Alice Gaggi conquistano la Coppa del Mondo di corsa in montagna nella Smarna Gora in Slovenia

Di GIANCARLO COSTA ,

Andrea Mayr e Alice Gaggi festeggiano entrambe alla Smarna Gora (foto arch Iaaf ed 2016)
Andrea Mayr e Alice Gaggi festeggiano entrambe alla Smarna Gora (foto arch Iaaf ed 2016)

Due atleti italiani conquistano la Coppa del Mondo di corsa in montagna: Alex Baldaccini al maschile, Alice Gaggi tra le donne. Questo il verdetto dopo la settima e ultima prova della WMRA World Cup, disputata sulle colline intorno a Lubiana, in Slovenia. Per la prima volta entrambe le classifiche finali vedono nella stessa stagione il successo di due azzurri, che nella gara di oggi si sono piazzati rispettivamente sesto e quarta. Il 29enne dell’Atletica Valle Brembana precede nettamente in graduatoria il compagno di club Francesco Puppi e l’austriaco Simon Lechleitner, mentre la trentenne valtellinese della Recastello Radici Group si lascia alle spalle l’austriaca Andrea Mayr e la ceca Pavla Schorna. Entrambi chiudono con un’affermazione parziale: Baldaccini leader nel Memorial Partigiani Stellina di Susa, a fine agosto, invece per la Gaggi alla Montée du Grand Ballon di Willer-sur-Thur, in Francia, nel mese di agosto.

L’ultima vittoria italiana al femminile nel trofeo mondiale (noto come Grand Prix fino al 2013) era quella di Valentina Belotti nel 2012, ma occorre risalire al 2007 per trovare un’affermazione tra gli uomini con Marco Gaiardo.

Vittoria nella prestigiosa Smarna Gora, davanti a tutti, il norvegese Johan Bugge con 42:27 e un vantaggio di quasi un minuto nei confronti del trentino Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe), secondo in 43:20, seguito dall’eritreo Abraham Filimon (43:34) e dal ceco Jan Janu (43:36). Nella top ten anche Bernard Dematteis (Corrintime) quinto, Alex Baldaccini (Atl. Valle Brembana) sesto e vincitore della Coppa, Martin Dematteis (Corrintime) ottavo e Alberto Vender (Valchiese) nono.

L’austriaca Andrea Mayr ha dominato la gara femminile con il record del percorso in 47:40, seguita dalla norvegese Karoline Holsen Kyte (49:37) e dalla ceca Pavla Schorna (51:56), poi quarta Alice Gaggi (La Recastello Radici Group) in 52:57 che vale la matematica certezza del trofeo.

Fonte fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti