Al Gran Trail Courmayeur successi di Galeati nel 90km, Cavallo nel 60km e Zarnik nel 30km

Di GIANCARLO COSTA ,

Giuliano Cavallo al Gran trail Courmayeur (foto fb Kong)
Giuliano Cavallo al Gran trail Courmayeur (foto fb Kong)

Sabato scorso a Courmayeur si è disputato il Gran Trail Courmayeur, manifestazione alla quale hanno partecipato 600 trailer su tre percorsi, da 90km, 60km e 30km.

Nella gara sui 90 km s'impone Gianluca Galeati del team Tecnica, che lo scorso anno arrivò secondo al Tor des Geants, davanti a Ivan Pesce 2° e Davis Ottobon 3°. Seconda assoluta e prima donna la svedese Kotka Mimmi, ormai valdostana d'azione visto che si è trasferita in Valle, visto che è arrivata a solo mezz'ora dal vincitore.

Nella gara sui 60km è Giuliano Cavallo del Team Salomon ha conquistare il successo su Saverio Monti 2° e Frederic Garrandes 3°. Nella gara femminile vittoria della piemontese Lara Crivelli.
Nel trail sulla distanza dei 30 km vince lo sloveno Sebastian Zarnik davanti a Petter Restorp 2° ed Enrico De Ferrari 3°. Nella gara femminile successo della francese Helene Curlier.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti