In 800 al via del Lafuma Trail Monte Casto di Andorno Micca (BI)

Di GIANCARLO COSTA ,

Trail Monte Casto (foto francesco berlucchi)
Trail Monte Casto (foto francesco berlucchi)

Domenica 27 ottobre il biellese ed Andorno Micca avranno modo di poter vedere i migliori atleti italiani in ambito trail a darsi battaglia in una gara degna del campionato italiano IUTA di Trail. L’ottava edizione del Lafuma Trail Monte Casto avrà al via un parterre d’atleti eccezionale, atleti dall’estero (USA, Germania, Belgio, Francia e Svizzera), provenienti da moltissime province della nostra penisola, un autobus dalla Brianza; saranno ben 800 a prendere il via con una chiusura delle iscrizioni anticipata.

Sulla distanza regina di 46 km, sono almeno una ventina i big che battaglieranno per entrare nella top ten.

Favoriti d’obbligo, il vincitore dell’anno scorso Fabio Bazzana (quest’anno vincitore alla Como-Valmadrera e alla Maddalene Skymarathon). Proveranno a contendergli il titolo di campione italiano, il valdostano Franco Collé (terzo al Tor des Geants e primo al Gran Trail Courmayeur) e l’emiliano Matteo Pigoni (1° alle Porte di Pietra e Cima Tauffi e 12° ai Mondiali Trail). Altri atleti che possono ambire alla vittoria sono Stefano Trisconi (1° alle Porte di Pietra e 2° all’Ultra Trail lago d’Orta della scorsa settimana) e un habitué della gara come Daniele Fornoni (2° alle Porte di Pietra e 1° al Trail dei Gorrei).

Ma sarà battaglia anche per entrare nei top ten, sicuri protagonisti saranno i lombardi Stefano Butti (vincitore l’anno scorso), Marco Zanchi, Massimo Tagliaferri e Marco Zarantonello, l’altoatesino Christian Insam, il friulano Andrea Moretton, lo svizzero Marco Gazzola, l’emiliano Gianluca Galeati, il valdostani Diego Vuillermoz, Fabrizio Roux e Gianluca Caimi, i piemontesi Nico Valsesia, Fabio Toniolo e Daniele Gaido.

In campo femminile, la veneta Federica Boifava (2a alla Lavaredo Ultratrail) vorrà bissare il successo nel Camp. Italiano IUTA Trail medio ottenuto al Trail Monte Soglio a maggio. Ma diverse atlete potranno impensierirla, a partire dalla patavina Lisa Borzani (8a ai Mondiali Trail e 1a all’Abbots Way), la lombarda Scilla Tonetti (3a al Tor des Geants), la valdostana Sonia Glarey (2a all’Ultra Mitic a Andorra e 1a al MOnterosa walser Trail) e le piemontesi Cecilia Mora (2a ai Mondiali Trail 2011) e Raffaella Miravalle (1a Gran Paradiso Trail e 2a Royal Ultraskymarathon).

A lottare per entrare nelle prime dieci ci saranno anche Yulia Baykova, Sara Recenti,le biellesi Marcella Belletti e Barbara Cravello.

Sulla 21 km è prevista una bella battaglia tra il biellese Enzo Mersi, l’argentino Pablo Barnes, Filippo Barazzuol e Davide Ansaldo. In campo femminile la favorita sarà Debora Cardone, a darle battaglia la biellese Gabriella Buoi.

La gara sarà anche valida come ultima prova del Challenge Montagne Biellesi by Rewoolution e sarà decisiva per decretare i vincitori finali.

Il Trail Monte Casto è l’ultima prova del Corto Circuito Solidale, una serie di gare che hanno come caratteristica, un forte spirito di solidarietà che le lega al progetto sportivo “I Run For Find The Cure”.

Il progetto per il 2013 è la costruzione di pozzi per l’acqua potabile nei due villaggi desertici di Koliflo e Baghan in Mali, Africa.

Per quanto riguarda il tracciato, si tratterà di percorrere ben 46 km con un dislivello di 2300 m quasi interamente su sentieri e strade sterrate.

Il percorso è altamente spettacolare toccando alcuni angoli incantevoli del biellese, a partire dal Monte Casto, per proseguire attraversando gli alpeggi di Monduro e Carcheggio e salire al Bocchetto Sessera (1380m) tramite la classica mulattiera usata per la transumanza con incomparabili viste sulle montagne biellesi e sulle alpi piemontesi.

La gara entrata nell'Oasi Zegna porta prima al Monte Massaro, per raggiungere poi la caratteristica baita della Scheggiola, passare all'alpeggio Baraccone e attraverso il bel ponte a schiena d'asino, al Rifugio Piana del Ponte.

Qui il sentiero ricomincia a salire per passare a fianco del ponte della milizia, raggiungere la Casa del Pescatore e salire immerso nella pineta fino al bellissimo alpeggio dell'Artignaga e tornare al Bocchetto Sessera.

Un bel sentiero conduce i trailers quindi a Pratetto, poi a Fraz.Trabbia di Callabiana, un lungo traverso porta alla fraz. Causso di Tavigliano, a Locato, per affrontare poi l'ultima asperità della giornata, la salita alla bella chiesetta degli Eremiti e infine a Selve Marcone. Da qui un traverso nel bosco permette di raggiungere la località Colma e in discesa ritornare al luogo di partenza.

La partenza è prevista per le ore 7 per chi parteciperà alla 46km, alle ore 9 per chi prenderà il via della 21km e alle ore 9.30 verrà dato il via della 9 km (passeggiata non competitiva).

Sarà possibile seguire la competizione per chi fosse interessato, in diversi punti tramite spostamenti in auto.

La manifestazione è un vero spot pubblicitario per far conoscere alcuni angoli quasi sconosciuti del nostro territorio, piccoli gioielli che il territorio biellese regala a chi ama immergersi nella natura.

Quest’evento è contraddistinto dal clima di convivialità e festa che si respira.

Per info: Maurizio Scilla 3398534127 www.mauscilla.it mau@mauscilla.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti