7a SkyRace Internazionale Valmalenco-Valposchiavo (ITA-SVI)

Di GIANCARLO COSTA ,

Mejia Schiessl
Mejia Schiessl

VALMALENCO - VALPOSCHIAVO 2008

"Domenica si corre, ma sabato da non perdere il Mini rienteering con i campioni dello skyrunning"

- A Lanzada e Poschiavo tutto è pronto per una due giorni di sport ad altissimo livello.

- Per l'edizione 2008 della skyrace italo svizzera si sono iscritti 515 atleti a rappresentanza di ben 20 nazioni

- Il comitato organizzatore ha predisposto un vero e proprio tour de force per garantire un tracciato "da favola"

- La scaletta prevede per sabato Mini Orienteering a Poschiavo e ritiro pacchi gara/briefing a Lanzada

- Domenica i riflettori saranno tutti per i campioni dello skyrunning.

Tutto è pronto per la settima edizione della Valmalenco-Valposchiavo. E anche quest'anno a
ripercorrere le orme dei contrabbandieri sul suggestivo percorso italo svizzero vi saranno molti
campioni e moltissimi amatori. Chiuse le iscrizioni, la lista partenti conta 515 atleti a
rappresentanza di ben 20 nazioni (Andorra, Bosnia-Erzegovina, Colombia, Danimarca, Francia,
Gran Bretagna, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Messico, Nuova Zelanda, Polonia,
Portogallo, Russia, Spagna, Slovacchia, Svizzera, Stati Uniti, Venezuela). «Siamo lusingati - ha
esordito il presidente della Sportiva Lanzada Fabiano Nana -. Oltre al livello eccelso della starting list, si è per l'ennesima volta sforato il tetto massimo di 500 partenti. Il motivo? Non ce la siamo sentiti di respingere la richiesta di quanti vedono la nostra gara come un punto fisso del calendario agonistico primaverile». Entrando nei dettagli tecnici della kermesse, il numero uno del sodalizio malenco ha proseguito: «In questi giorni diversi volontari hanno lavorato sodo per rendere più agevole il passaggio degli atleti in quota. Molto è stato fatto e molto verrà ancora fatto. Dopo
questo tour de force la neve in quota non dovrebbe poi causare troppi disagi». Per quanto riguarda
invece ritiro pettorali e briefing: «I pacchi gara si potranno ritirare sabato dalle 9 alle 19 a Chiesa in
Valmalenco presso il centro sportivo di Vassalini (i ritardatari potranno ritirarlo anche domenica
mattina a partire dalle 6). Sempre qui alle 18 di sabato si terrà il briefing. In caso di pioggia ci si
trasferirà presso la palestra di Lanzada». Tornando al percorso e alla gara di domenica, informazioni ancor più dettagliate ce le ha date il direttore gara Nicolao Lanfranchi: «La neve in quota si è ritirata ulteriormente. Dal Passo di Canciano al Passo di Campagneda sarà sugli 80 cm. Oltre al percorso tracciato dagli amici malenchi, gli atleti potranno stare tranquilli visto che la neve rimasta è dura e in pochi punti sprofonda». Alcune precauzioni sono però d'obbligo: «Dato l'innevamento sarà importante seguire fedelmente il tracciato gara: sotto la neve si nascondono buche che potrebbero causare spiacevoli infortuni. Si invita il pubblico a presenziare numeroso e a sostenere gli atleti con un tifo caloroso. Nel contempo prego però i supporter di stare fuori dalla
traccia preparata e segnalata per non intralciare i corridori». Da ricordare che se dietro le quinte
hanno operato qualcosa come 250 volontari, domenica la manifestazione sarà seguita da media
della carta stampata, da tv e siti internet specializzati. Chi invece vorrà accogliere gli atleti in Plaza da Cumün a Poschiavo, verrà puntualmente aggiornato sulla gara dallo speaker ufficiale della
manifestazione Silvano Gadin (la "voce" delle olimpiadi invernali Torino 2006). Ma sabato i veri
protagonisti saranno i ragazzini del Mini Orienteering Valposchiavo. «Dopo il successo 2007
abbiamo voluto riproporre questa manifestazione del sabato - ha confermato il presidente del
comitato svizzero Dario Marchesi -. In quest'occasione, gli alunni delle scuole si potranno
cimentare in un'avvincente corsa d'orientamento all'interno del Borgo di Poschiavo, fra palazzi
signorili e monumenti ricchi di storia. Monumenti e palazzi che raccontano di streghe e di
emigranti, di contrabbandieri e di viandanti. Il tutto alla presenza dei migliori skyrunner a livello
mondiale». Al termine della gara si svolgerà la presentazione ufficiale dei top runner ai media, agli
sponsor e al pubblico. «I nostri giovani avranno quindi la possibilità di passare una giornata con i
grandi campioni della specialità, di scoprire qualche segreto pranzando con loro o di farsi
autografare la maglietta. Ogni partecipante riceverà, infatti, la maglietta ufficiale della
manifestazione. Al termine della gara si organizza il pranzo in Piazza per tutti i partecipanti».

(Maurizio Torri, Addetto stampa SkyRace Valmalenco-Valposchiavo)

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti