In 1800 all’Orobie Ultra Trail nonostante il maltempo

Di GIANCARLO COSTA ,

Orobie Ultra Trail podio femminile (foto organizzazione)
Orobie Ultra Trail podio femminile (foto organizzazione)

Si è conclusa con la vittoria di Stefano Rinaldi nel Gran Trail Orobie e di Luca Rota nella Marathon Trail Orobie la quinta edizione di OROBIE ULTRA-TRAIL® tenutasi nel weekend.

L’edizione 2019 è stata caratterizzata da molte novità: un nuovo arrivo – in piazza della Cittadella – e un nuovo Technical Partner – Mizuno – ma purtroppo anche dal maltempo che ha portato gli organizzatori a modificare alcuni aspetti di Gran Trail Orobie e della Marathon Trail Orobie.

Partenze anticipate per entrambe le gare: GTO ha preso il via alle 7.00 e MTO alle 6.00. Il tracciato originale di GTO è stato accorciato con la partenza dal Passo di Zambla anziché da Carona, portando la gara a circa 43 km con un dislivello positivo di 1900m. Nessuna variazione invece per il percorso della MTO.

Numeri e vincitori

1.799 i finisher totali delle 3 gare: 885 per GTO, 445 per MTO; 469 per BGUT.

A conquistare il gradino più alto del podio di GTO è stato l’atleta del team Eolo Kratos, Stefano Rinaldi in 3:55:29, un successo che arriva in scia alla vittoria del Gran Trail Courmayeur 55 km e a poco meno di un mese dall’ottimo secondo posto conquistato alla prima edizione della Ultra Dolomites.
Secondo a tagliare il traguardo di GTO Donatello Rota del team Prozis Athletes che sale sul podio dopo l’ottimo quinto posto dell’edizione 2018, con il tempo di 4:02:54.
Completa il podio Matteo Longhi, team Runners Bergamo, in 4:06:29.

Il podio femminile ha visto il trionfo di Maria Eugenia Rossi, fresca di vittoria alla prima edizione del Val di Riso Trail e di un ottimo secondo posto alla Orobie Vertical. Atleta del team Erock, Maria Eugenia ha conquistato il gradino più alto del podio in 4:56:29. Virginia Olivieri (Salomon Bergteam) ha tagliato il traguardo con poco più di 3 minuti di distacco (04:59:45), seguita dalla terza classificata Federica Giudici (Sport Evolution) in 5:17:15.

Luca Rota del team SERIM RUN (04:00:36) è invece il vincitore della prima edizione di MTO, un successo che arricchisce il palmares degli ultimi mesi, che include il primo posto ex acquo al Valle Imagna Ultra Trail ad aprile e la vittoria del Trail di Bozz lo scorso febbraio.
Secondo posto per Fabio Bonfanti (04:14:01) e terzo gradino del podio per Denny Epis (GAV VETROVA TAGLIA) in 04:14:41.

La prima edizione femminile della MTO ha invece visto trionfare la sanpellegrinese Cristina Sonzogni del team EROCK che, galvanizzata dalla partenza davanti al pubblico di casa, ha tagliato il traguardo in 05:01:54. Sul podio con lei la polacca Marta Wenta (05:26:27), team KASZUBSKA PONIEWIERKA e Elena Sala, RUNNERS BERGAMO, in 05:30:32.

Bergamo Urban Run, la gara inaugurale della quinta edizione di OROBIE ULTRA-TRAIL® 2019, venerdì alle 20.30, ha visto la vittoria di Franco Zanotti (Gruppo alpinistico vertovese) in 1:25:47 e Chiara Milanesi (Fò di Pe) in 1:40:42.

A completare il podio maschile Roberto Antonelli (Altitude Race) 1:27:01 e Mattia Bertocchi (Dk Runners Milano) in 1:27:46, mentre per le donne secondo posto per Alice Colonetti (Bracco), 1:42:11 seguita da Lara Birolini (Erock Team) in 1:42:13.

“Modificare e riorganizzare gare come GTO e MTO è estremamente complesso dal punto di vista logistico, tecnico e burocratico. In poche ore abbiamo dovuto allertare telefonicamente più di 400 volontari, aggiornare il piano di sicurezza e tutte le richieste di permessi, richiedere e organizzare la nuova partenza da Passo di Zambla, spostare i ristori e ricontrollare tutta la tracciatura” spiega Matteo Zanardi, coordinatore di OROBIE ULTRA-TRAIL®. “Uno sforzo organizzativo che ha richiesto la collaborazione di moltissime persone che vogliamo ringraziare: le istituzioni locali che si sono rese subito disponibili, i volontari, i responsabili dei servizi di emergenza e di soccorso e tutti coloro che si sono impegnati per rendere possibile questo evento in circostanze straordinarie. Nonostante siamo stati costretti dalle gravi condizioni meteorologiche a modificare alcuni aspetti di questa OROBIE ULTRA-TRAIL® al fine di consentirne lo svolgimento in sicurezza, siamo orgogliosi del lavoro fatto; non nascondiamo il rammarico per le reazioni di una minoranza di quegli stessi atleti per cui mettiamo cuore e anima. Siamo invece felici che alla maggioranza di essi questa manifestazione abbia saputo comunque regalare tante emozioni e soddisfazioni. Ci teniamo pertanto a ringraziare tutti coloro i quali hanno contribuito alla sua realizzazione, i nostri Sponsor e gli imprenditori che credono nel territorio e investono per esso. OROBIE ULTRA-TRAIL® nasce e cresce come espressione dell’amore per le montagne bergamasche con l’obiettivo di una promozione che parte da un livello locale fino a quello internazionale. Anche quest’anno, nonostante l’assenza della 140km, hanno partecipato atleti provenienti da più di 30 nazioni.”

Nonostante le modifiche siano state rese necessarie da cause di forza maggiore, gli organizzatori hanno voluto offrire agli iscritti della 70km 2019, che hanno deciso di non correre sul tracciato ridotto, uno sconto del 40% sulla fascia di prezzo in corso di validità al momento dell’iscrizione per la prossima iscrizione.

L’appuntamento con OROBIE ULTRA-TRAIL® 2020 è fissato dal 24 al 26 luglio e si tratterà di un’edizione resa ancora più ricca ed entusiasmante dal ritorno della “gara regina”, che si correrà su 140 km con 9.500 m di dislivello positivo.

Per ulteriori informazioni: http://www.orobieultratrail.it

Fonte Soun PR

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti