100 km del Sahara no-stop: prima edizione e vittorie di Stefano Ruzza e Katia Figini

Di GIANCARLO COSTA ,

Stefano_Ruzza_in_azione_nel_trail_di_Oulx_2012_(foto_Mocco).jpg
Stefano_Ruzza_in_azione_nel_trail_di_Oulx_2012_(foto_Mocco).jpg

La corsa è stata monopolizzata fin dalle prime battute dalla lotta tra Stefano Ruzza e Filippo Salaris. Al 30° km il primo colpo di scena, il forte Paolo Venturini è costretto al ritiro per un problema tecnico alle scarpe.

Una splendida luna piena ha accompagnato i concorrenti durante le ore notturne rendendo meno difficoltoso l'orientamento, anche il vento è stato sempre presente durante la manifestazione, fortunatamente per la maggior parte del tempo era favorevole alla direzione di gara.

Al 60° km il momento decisivo della corsa, Filippo Salaris è costretto al ritiro per problemi fisici e Stefano Ruzza ha cosi l'occasione di involarsi solitario verso il traguardo. A questo punto della gara molti concorrenti si ritirano, la stanchezza e il deserto presentano il conto. Le diverse strategie dei partecipanti hanno mostrato come i corridori partiti più forte abbiano progressivamente perso in brillantezza, mentre chi è partito con un ritmo più regolare è riuscito, soprattutto nel finale di gara, a recuperare molte posizioni in classifica.

L'ultima decisiva selezione la fanno le dune di sabbia che hanno costretto al ritiro alcuni concorrenti a soli 3 km dal traguardo finale.

Vince la 100 km no-stop Stefano Ruzza della Valetudo, al 2° posto una straordinaria Katia Figini autrice di una prestazione maiuscola, al 3° posto chiude il podio Antonio Marelli.

-CLASSIFICA GENERALE-

1° Stefano Ruzza

2°Katia Figini

3°Antonio Marelli 

-CLASSIFICA MASCHILE-

1°Stefano Ruzza

2°Antonio Marelli

3°Gianluca Antonelli

-CLASSIFICA FEMMINILE-

1°Katia Figini

2°Luisa Zecchino

3°MariaTeresa Cannuccia

I tempi ufficiali sono ancora non disponibili, appena verranno terminati i controlli e convalidati verranno pubblicati.

Il percorso di questa nuova avventura Sahariana è il vecchio tracciato della 100 km del Sahara a tappe, quello che per 10 anni è stato il teatro di tante sfide, la pista che unisce le oasi da Chenini a Ksar Ghilane. 

Un percorso noto e ben collaudato dove prevalgono le piste deserti che con il fondo piuttosto duro e compatto, solo negli ultimi, con l'incontro delle grandi dune, diventa molto sabbioso per circa 10/15 km e questo a vantaggio dei runners che si sono cimentati in questa dura prova, questa volta indiscutibilmente estrema....

La 100 km del Sahara non stop fà parte di un progetto che unisce una serie di gare podistiche ad un comune denominatore, l’Africa.

Infatti “Africa To Run” è una sorta di contenitore che raccoglie alcune gare, diverse tra loro, che hanno però in comune di essere corse nel continente che maggiormente unisce la natura, i colori, i grandi spazi e le forti emozioni, il continente africano.

Negli anni sono diventati ben 5 gli appuntamenti africani, dalle più semplici mezze maratone e maratone, corse nel lago salato del Chott El Djerid e nella savana del Senegal, alle ultramaratone a tappe nel deserto corse nel Sahara, in Namibia e nel Kalahari.

Fonte Organizzazione Zitoway

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti