Alimentazione

Muscoli cromati ma non troppo

Di Giancarlo Costa

Cromo

Siamo abituati a pensare al cromo come ad un minerale che viene utilizzato per le cromature, come costituente di leghe di resistenza, nelle vernici e smalti, nella produzione di rubini sintetici come responsabile del colore rosso dei rubini!

Il cromo, però, nel nostro organismo ha la funzione di partecipare come cofattore nel potenziare l'attività insulinica, anche se il suo meccanismo non è ancora noto.

L'insulina promuove il trasporto degli zuccheri all'interno delle cellule, aumenta il metabolismo degli ...

Continua a leggere

Disturbi gastrointestinali in gara: un bel guaio!

Di Giancarlo Costa

Disidratazione.jpg

Quante volte abbiamo assistito al ritiro da gare importanti da parte di atleti di alto livello per problemi gastrointestinali! Questi disturbi sono molto comuni tra gli atleti di resistenza, e si stima che il 30-90% dei fondisti hanno avuto problemi intestinali che li hanno costretti al ritiro o comunque alla compromissione della prestazione e al successivo recupero.

I sintomi più comuni possono essere nausea, vomito, crampi addominali e dissenteria. Nei dati raccolti vi è una grande varietà di fattori legati ...

Continua a leggere

Iron Man: è proprio una questione di ferro

Di Giancarlo Costa

Alex Zanardi un vero Iron Man (foto lastampa.it)

Il ferro è un minerale essenziale per le prestazioni fisiche ottimali, in quanto svolge un ruolo nella produzione di energia e nel trasporto di ossigeno. Per il 70-80% si trova in composti attivi, principalmente combinato con l'emoglobina nei globuli rossi; questo complesso ferro-proteine consente al sangue di aumentare di almeno 65 volte la sua capacità di trasporto di ossigeno. Circa il 20% del ferro totale non è legato a composti funzionalmente attivi ed è presente come emosiderina e ferritina ...

Continua a leggere

Gli effetti degli spinaci sui muscoli sono solo una leggenda?

Di Giancarlo Costa

Succo di barbabietola

Quante volte da piccoli ci siamo sentiti dire dalle nostre mamme di mangiare la verdura e, in particolare, gli spinaci per diventare forti come braccio di ferro?

Forse per loro era solo un pretesto per farci mangiare la verdura senza sapere che, realmente, gli spinaci contengono sostanze attive sulla muscolatura.

Al giorno d'oggi comportamenti di stile di vita quotidiana, come la dieta alimentare, l'attività fisica e il sonno sono, probabilmente i fattori che più influenzano la nostra salute ...

Continua a leggere

Il doping ai confini della realtà sportiva

Di Giancarlo Costa

Bollino doping esposto sul farmaci

In base alla legge italiana (legge 30 luglio 2004 che recepisce la Direttiva Europea 2002/46 ) si definiscono integratori alimentari quei prodotti destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive quali vitamine e minerali o di altri composti aventi un assetto nutritivo o fisiologico, in particolare aminoacidi, acidi grassi, fibre ed estratti vegetali.

Già solo questa indicazione ufficiale fa capire bene quale sia il ruolo degli integratori nella nostra alimentazione quotidiana, ossia di ...

Continua a leggere

Proteine e aminoacidi: il futuro è forse nei funghi?

Di Giancarlo Costa

Aminoacido

Al giorno d'oggi quasi tutti coloro che svolgono attività sportiva ,a qualunque livello, fanno ricorso ad integratori alimentari usati in modo diverso a seconda del tipo di sport praticato,allo scopo di migliorare la prestazione atletica.

La cosa più importante che gli sportivi devono sapere è che alla base di una integrazione ci deve essere una alimentazione bilanciata in modo da coprire il più possibile il fabbisogno nutrizionale, per far si che ogni tipo di supplementazione porti ad un ...

Continua a leggere

Arriva dal XIX secolo la scoperta della misteriosa sostanza contenuta nella bevanda più conosciuta del mondo: la caffeina

Di Giancarlo Costa

CRISTALLO DI CAFFEINA AL MICROSCOPIO

E' proprio all'inizio del XIX secolo, quando si diffuse l'interesse per la chimica delle piante, che fu isolata, scoperta e denominata, la caffeina da un giovane medico tedesco Friedlieb Ferdinand Runge, a seguito di un incontro con il settantenne Johann Wolfgang Goethe, uno dei più grandi poeti che il mondo abbia conosciuto. Goethe, oltre che essere un grande poeta, è stato un forte consumatore di caffè e credeva che in esso fosse contenuta una droga deleteria , se assunta ...

Continua a leggere

Proverbio africano: ciò che il cuore desidera ardentemente mette in moto le gambe

Di Giancarlo Costa

Etiopia contro Kenia, Haile Gebreselassie batte Paul Tergat nei 10000 delle Olimpiadi di Sidney (foto ethiograph.com)

Roma, 1960, XVII Olimpiade, Abebe Bikila, nato nel villaggio di Jato in Etiopia, vinse la medaglia d'oro nella maratona, applicando alla lettera il proverbio questo proverbio!

L'etiope, alto 177 cm e 57 kg di peso, corse senza scarpe e divenne l'eroe nazionale e simbolo dell'Africa che si liberava dal colonialismo europeo, conquistando la prima medaglia d'oro del continente africano ai Giochi Olimpici.

Da allora, dove a livello mondiale nelle prime 20 posizioni c'erano per ...

Continua a leggere

Dagli indiani Tarahumara del Messico il segreto per correre come “speedy gonzales”

Di Giancarlo Costa

Ricardo Meija il mito dello skyrunning (foto Selvatico/Becca di Nona)

Gli indiani Tarahumara costituiscono una popolazione di circa 50000-70000 unità di agricoltori che vivono tra le aspre montagne del territorio del Chihuaha in Messico. Questi individui sono famosi per la loro elevatissima resistenza alla corsa, infatti si dice siano in grado di correre circa 320 km in due giorni. Vengono chiamati Raramuri che significa “pianta idonea per la corsa “.

La loro agricoltura si basa principalmente sulla coltivazione del mais e dei fagioli , ma viene praticato anche l'allevamento.

La corsa ...

Continua a leggere

Chi corre più forte, chiuda la finestra!

Di Giancarlo Costa

La corsa nella neve del Mont Avic Trail 2013 (foto Pantacolor)

Quante volte ci siamo sentiti dire da genitori, amici e allenatori “se sei stanco non allenarti perchè rischi di ammalarti!”.

Se guardiamo alcuni studi fatti intorno al 1918 , si possono vedere come molti giovani in età scolastica venivano colpiti da polmonite soprattutto in ragazzi che svolgevano una intensa attività fisica. Più recentemente sono stati condotti studi sulla immunologia legata allo sport prendendo in considerazione fattori fisici , ambientali e psicologici , e si è visto che attività fisica , stress e malattia interagiscono ...

Continua a leggere